In questa rubrica giornaliera vi proponiamo la meditazione del Vangelo del giorno preparata da un fratello o una sorella di Bose. Il nostro desiderio è di spezzare il pane quotidiano della parola di Dio, condividendo la lectio divina fatta nella solitudine della cella monastica. Per tutti il fine è quello indicato da Ignazio d’Antiochia, “rifugiarmi nel Vangelo come nella carne di Gesù” (Lettera ai Filadelfiesi).

Le pericopi del vangelo seguono il lezionario proprio del nostro monastero.

Una fede che osa

Leggi tutto: Una fede che osa

8 luglio 2024

“Gesù passò facendo del bene e guarendo perché Dio era con lui”: il brano evangelico odierno è la narrazione di questa affermazione che si trova nel discorso che Pietro fa nella casa di Cornelio (Cf. At 10,38). Gesù è sollecitato da un capo ad andare da lui perché sua figlia è morta e mentre segue quest’uomo una donna lo tocca ed è guarita dalla sua malattia.

Continua la lettura

Di chi rallegrarci?

Leggi tutto: Di chi rallegrarci?

6 luglio 2024

Nel brano precedente Gesù si è seduto a tavola con pubblicani e peccatori e lì i farisei chiedono conto di questo gesto scandaloso, non a Gesù ma ai suoi discepoli. Qui sono i discepoli di Giovanni Battista che si avvicinano a Gesù e gli chiedono conto del comportamento, non suo ma dei suoi discepoli, in merito al digiuno. Domande più che lecite, anche se poste non ai diretti interessati, quasi ad attenuarne la carica provocatoria e a smorzare la replica diretta.

Continua la lettura

Mangiare e digerire il proprio male

Leggi tutto: Mangiare e digerire il proprio male

5 luglio 2024

Gesù non è venuto a chiamare “i giusti” (cf. v. 13). Gesù dice: “Seguimi”, chiama un peccatore. “Un uomo seduto” (v. 9) di nome Matteo lo segue. In un solo versetto è condensata la resurrezione di Matteo uomo “seduto” che in un istante, per la potenza di una sola parola cambia postura diventa uomo anastas, un terrestre che assume la postura del risorgente.

Continua la lettura

Il miracolo della relazione

Leggi tutto: Il miracolo della relazione

4 luglio 2024

Gesù vede, “vede la fede” di quel paralitico e dei compagni che lo portano. Non si limita a notare che hanno fede, non si gongola nel considerare che essi credono nelle sue capacità taumaturgiche. Il suo sguardo non si fissa né sulla fede in astratto, né su sé stesso ma su quegli uomini: Gesù vede la loro fede. Sa che per loro la malattia è conseguenza del peccato e non si sofferma a smentire questa convinzione tradizionale. Lo farà altrove (cf. Gv 9,3), ma qui non lo ritiene necessario. Gesù vede quell’uomo e capisce che un semplice “alzati e cammina” non gli basterebbe. Quell’uomo è schiacciato dai sensi di colpa, letteralmente paralizzato dalla sensazione di essere stato punito da Dio, ma crede che quel nazareno può liberarlo. È questa la fede che Gesù vede e così a quell’uomo dice: “Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati”.

Continua la lettura

Tommaso, nostro fratello gemello

Leggi tutto: Tommaso, nostro fratello gemello

3 luglio 2024

Dopo la celebrazione liturgica nei giorni scorsi della solennità dei santi Pietro e Paolo e della festa del Collegio apostolico, oggi facciamo memoria ancora una volta di un amico e discepolo di Gesù, testimone insieme agli altri apostoli della sua risurrezione. È Tommaso, che compare discretamente nelle liste dei nomi dei dodici apostoli nei vangeli sinottici, e che l’evangelista Giovanni ci presenta con le sue tinte caravaggiesche, come un nostro fratello “gemello” – Didimo – nell’esuberanza febbrile e passionale, nella ricerca ansimante della verità, nell’inquietudine, nella doppiezza, nel dubbio, nella titubanza.

Continua la lettura

Sulla barca con Gesù

Leggi tutto: Sulla barca con Gesù

2 luglio 2024

Matteo rilegge in chiave ecclesiale e cristologica l’episodio della tempesta sedata. La barca è la chiesa chiamata ad attraversare il mare della vicenda umana, acque avverse da spaventare al punto da sentirsi perduti. Un “grande sconvolgimento”, un risveglio della coscienza alla consapevolezza che la fedeltà a Gesù e al suo vangelo possono costituire un segno di contraddizione da generare avversione e persecuzione fino alla condanna a morte. 

Continua la lettura

Una sequela, molti equivoci

Leggi tutto: Una sequela, molti equivoci

1 luglio 2024

Il capitolo 8 di Matteo inizia con la discesa di Gesù dal monte in cui ha pronunciato il più celebre dei suoi discorsi: anche lì, come nel vangelo odierno, questo spostamento di Gesù era dettato dalla visione delle folle (cf. Mt 5,1). Questa volta cosa spinge Gesù ad andare non verso l’alto ma oltre? Forse l’avere iniziato a “sporcarsi le mani”. 

Continua la lettura

Di fronte a Gesù

Leggi tutto: Di fronte a Gesù

29 giugno 2024

Un vangelo che mette Pietro di fronte a Gesù. Pure Paolo, che il rabbi di Nazaret non l’aveva incontrato, un giorno si è trovato di fronte Gesù. In questo faccia a faccia con il Cristo, Pietro e Paolo hanno imparato a stare uno di fronte all’altro, nella Chiesa dell’unico Messia.

Continua la lettura

La lebbra e il tocco che risana

Leggi tutto: La lebbra e il tocco che risana

28 giugno 2024

«Non v’è carenza di orrore nel mondo. Se l’uomo chiudesse gli occhi su di esso, ve ne sarebbe ancor di più. L’uomo, tuttavia, è un risolutore di problemi. Su questo schermo apparirà un’immagine di bruttezza, una visione di dolore senza sollievo che nessun essere umano dovrebbe ignorare. Spazzar via quest’orrore e alleviare le sue vittime è lo scopo di questo film e la speranza dei suoi produttori».

Continua la lettura

Gesù sconfina

Leggi tutto: Gesù sconfina

27 giugno 2024

Gesù, battezzato nel Giordano, spinto nel deserto e tentato da Satana, ora prende una decisione in prima persona: “Quando seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nazaret e andò ad abitare a Cafarnao” (vv. 12-13). Siamo di fronte a pochi versetti, che potrebbero sembrarci un po’ aridi, un semplice elenco di spostamenti. Eppure, attraverso questo breve elenco di informazioni geografiche per poter collocare Gesù dopo gli episodi iniziali della sua vita, noi riceviamo una parola significativa ed essenziale su Gesù e sul Dio che egli è venuto ad annunciare. Una parola che è nuova ma viene da lontano.

Continua la lettura

Discernere l’essenziale

Leggi tutto: Discernere l’essenziale

26 giugno 2024

Pochi versetti prima del brano che leggiamo oggi lo Spirito si rivela a Gesù durante il suo battesimo. Rivela la realtà del suo rapporto con il Padre. È il figlio, quello amato. Il Padre si compiace della sua presenza. Questa rivelazione richiede di essere vagliata all’interno della vita di Gesù. Lo Spirito stesso dopo essere stato il testimone di questa rivelazione porta Gesù verso il deserto per comprenderne fino in fondo la portata nella sua esistenza.

Continua la lettura

Dio fa grazia

Leggi tutto: Dio fa grazia

24 giugno 2024

Il vangelo non punta l’attenzione sull’evento del nascere quanto sul conferimento del nome. Annuncia e fa accadere la novità, che Dio introduce nella storia, e la libertà che ne consegue. Il nome sarà Giovanni: Dio fa grazia.

Continua la lettura

La via del diventare dimora

Leggi tutto: La via del diventare dimora

22 giugno 2024

“Se uno mi ama…”: per tre volte Gesù scandisce con questa premessa il suo insegnamento sull’ascolto fiducioso ed obbediente, in questo capitolo (cf. Gv 14,15.23.28). Questa è la condizione per ogni discepolato: una sequela ascoltante non determinata immediatamente da decisioni, scelte, volontarismi, ma dall’amore possibile e non scontato.

Continua la lettura

Un comandamento che è vita

Leggi tutto: Un comandamento che è vita

21 giugno 2024

Dopo una settimana in cui abbiamo meditato testi evangelici relativi alla preghiera, questa settimana, la nostra meditazione è stata orientata verso testi sull’azione: mettere in pratica le parole del Signore – “Ora et labora!” dunque. Non è regola solo dei monaci, ma di ogni credente. La preghiera non va senza l’azione, ma anche l’azione, nonostante la sua importanza, è veramente piena se è sostenuta da quell’abbandono al Signore e fiducia in Lui che la preghiera esprime.

Continua la lettura